A.P.S. propone soluzioni e prodotti per realizzare sistemi di protezione catodica

La protezione catodica

La protezione catodica è una tecnica elettrochimica di prevenzione della corrosione dei materiali metallici immersi in ambienti aggressivi aventi un'apprezzabile conducibilità elettrica, quali i terreni e le acque; non è invece applicabile alle strutture esposte all’atmosfera. Si attua facendo circolare una corrente continua fra un elettrodo (anodo) posto nell'ambiente e la superficie della struttura da proteggere (catodo): tale corrente provoca la diminuzione del potenziale del materiale metallico e riduce la velocità di corrosione fino al suo arresto.

La modalità con cui si realizza la circolazione di corrente definisce i due tipi di protezione catodica: a corrente impressa e ad anodi galvanici (sacrificali).

La protezione catodica a corrente impressa

Utilizza una unità di alimentazione elettrica, il cui polo positivo è collegato a un anodo insolubile e quello negativo alla struttura da proteggere.

La protezione catodica (Dispersore anodico)

Con un unico dispersore possono essere protette superfici molto estese, sino a lunghezze nell’ordine di decine di chilometri nel caso di condotte interrate; d’altra parte, la circolazione di correnti elevate può generare effetti negativi di interferenza elettrica e di sovraprotezione.

Con un unico dispersore possono essere protette superfici molto estese, sino a lunghezze nell’ordine di decine di chilometri nel caso di condotte interrate; d’altra parte, la circolazione di correnti elevate può generare effetti negativi di interferenza elettrica e di sovraprotezione.

La protezione catodica con anodo galvanico

Per quanto riguarda un sistema di ad anodi galvanici, la protezione catodica viene realizzata collegando elettricamente la struttura in acciaio da proteggere ad un metallo meno nobile: si realizza così una situazione di contatto galvanico tra due metalli, con un effetto di corrosione accelerata del meno nobile e di protezione dell’altro.

I sistemi ad anodi galvanici non richiedono alcuna fonte di energia esterna e, se correttamente progettati, assicurano protezione senza alcun onere di manutenzione. I sistemi a corrente impressa consentono di disporre di tensioni di alimentazione ben più alte rispetto agli anodi galvanici (sino a 50 V) e le condizioni di funzionamento possono essere regolate intervenendo sull’unità di alimentazione, adeguandole alle richieste della struttura da proteggere.

La protezione catodica (Anodo galvanico)

Gli anodi galvanici sono impiegati negli ambienti aventi elevata conducibilità, ad esempio in acqua di mare; i sistemi a corrente impressa sono preferiti negli ambienti resistivi, come i terreni e il calcestruzzo, e per la protezione di strutture estese con un numero limitato di anodi.